PLR Vacallo

Menu
Vai ai contenuti
Le News da Vacallo



COMUNICATO STAMPA
La sezione PLR di Vacallo prende atto del risultato della votazione popolare del 25 novembre 2018 inerente la variante di PR del Quartiere Concabella.
 
L’esito permetterà al Municipio di Vacallo, una volta che anche Morbio Inferiore avrà licenziato il relativo messaggio,  di dare avvio alle procedure di pubblicazione per una variante intercomunale. L’esito poi dell’iter formale permetterà l’edificazione di tutti i contenuti inseriti nella modifica stessa  ”Centro sportivo e villaggio per anziani per l’edificazione di un villaggio per anziani con casa medicalizzata e tutte le infrastrutture di appoggio necessarie, 3 appartamenti per anziani autosufficienti, spazi commerciali e di servizio di supporto al villaggio ed alla comunità in generale, spazi sportivi coperte e sala multiuso, ostello con 50 posti letto, asilo nido, fattoria didattica, spazi sportivi e culturali esterni”. Non solo la casa anziani ma un complesso villaggio dello sport ! + 134 Posteggi in un autosilo a 2 livelli !
 
 
Il dato rilevante che emerge da questa consultazione è che circa la metà dei chi si è espresso non è concorde con le intenzioni del Municipio.
Trattandosi dell’investimento più importante che il Comune di Vacallo deve affrontare, considerando perlomeno gli ultimi 50 anni, sia in termini di danaro che di impatto sul territorio, é imperativo che il Municipio sappia considerare le rivendicazioni e le preoccupazioni di quel 47% di cittadini che ha votato NO.
 
A parere di chi scrive stride sentire a poche ore dall’esito della votazione le dichiarazioni del Sindaco, il quale prevede l’apertura della casa anziani per il 2022, che assumono la veste dell’ennesima promessa che difficilmente potrà essere mantenuta.
 
Infatti, dopo un breve calcolo sulle procedure di legge e senza conteggiare eventuali ricorsi ,ci pare inverosimile che nel giro di poco più di tre anni la casa per anziani sarà aperta. La procedura di approvazione del PR, da sola, richiederà un anno di tempo. Dobbiamo poi aggiungere l’iter relativo al concorso di progettazione, un anno, le relative richieste credito di costruzione al Consiglio comunale, le procedure di appalto e la licenza edilizia.
Ora, nelle migliori delle ipotesi, ci vorranno alcuni anni per le procedure a cui si aggiungerà il cantiere (18 mesi?). La affermazioni del Sindaco rappresentano l'ennesimo slogan politico e, oltre a non favorire un clima disteso, non fa trasparire l’intenzione ad un dialogo costruttivo considerate le richieste contenute nel rapporto di minoranza della commissione PR.
 
Il PLR ci tiene a precisare che sia in Commissione PR che in Consiglio Comunale aveva chiesto il rinvio del messaggio, e quindi non si era opposto ad esso, con il chiaro intento di sistemare, insieme ai partiti ed alla popolazione, tutte le problematiche che oggi sono irrisolte. La questione dell'accesso andava risolta prima, la futura collocazione degli atleti e delle squadre che oggi usano il campo andava risolta prima, l'analisi del terreno tesa a verificare costi attendibili andava fatta prima, le indagini del traffico andavano capite ed analizzate, … .
 
In conclusione nonostante l'enorme dispiegamento di forze messo in campo a favore del SI (maggioranza Municipio, maggioranza del Consiglio comunale, 3 partiti su 4; PS, Lega e PPD e Fondazione San Rocco) la differenza é di soli pochi punti percentuali. A questo punto il livello delle aspettative é altissimo. La promesse fatte alla popolazione sono enormi. Il PLR continuerà a vigilare attentamente sul progetto che ancora non c’è.

 
Angelo Colombo
 
Presidente Sezione PLR Vacallo
Pubblicato il nuovo info@PLR
    


25.11.2018 ore 19.00
Votazioni popolari del 25 novembre 2018 i risultati online



04.12.2018
Comunicato stampa del PLR di Vacallo



04.12.2018
La risposta del nostro Presidente allo scritto penoso del municipale Delorenzi

L’italiano con il passaporto svizzero
Ciao Delo,
 
Negli ultimi mesi non ho sprecato fiato a rispondere agli attacchi al PLR ma ho investito il tempo a spiegare le ragioni del NO, perché ero e sono convinto che al referendum NO andava votato, mentre ora mi prendo qualche minuto per rispondere al Maestro in pensione.
 
Ad una settimana dalla vittoria del SI vedo che invece di rimboccarsi le maniche lo sport preferito è quello di blaterare; invece di risolvere i problemi e di lavorare ci si preoccupa dell’Angelo Colombo, addirittura si mettono le mani avanti preannunciando abbandoni di cariche.
Troppo facile caro Delo ora devi concretizzare !!!  L’iter che ha portato al referendum è fatto di articoli sui media ma soprattutto di atti formali. Il rapporto di minoranza a firma del PLR evidenzia problemi e lacune imbarazzanti. La preparazione poi di chi ha partecipato alla commissione piano regolatore è deprimente.
 
Mi fa piacere che quella sera eri sveglio e che ti sei accorto di cosa dicevamo perché, di solito, o giochi a fare i disegnini o dormi e la cosa mi fa incazzare parecchio dato che sei un Municipale ma me la tengo per me.
Però ora che il Maestro in pensione pensa semplicemente per il titolo che ha di fare la lezione, allora faccio l’alunno partecipativo, alzo la mano e rispondo.
 
È dal 2014 che parlo pacatamente con tutti ma nessuno vuole ascoltare perché ha già in mente quello che vuole fare fregandosene di tutto e di tutti e allora grido si grido. Grido perché sono passionale e perché mi incazzo quando vedo che qualcuno non vuole capire o non vuole ascoltare.
E mi incazzo ancora di più quando sento risposte come “bisogna avere pazienza … dovete fidarvi di noi … i problemi li affronteremo quando arriveranno ….” No caro Delo Io e i Liberali ragioniamo con la nostra testa e diciamo che di pazienza ne abbiamo avuta … che fatichiamo a fidarci di voi … e che i problemi si anticipano. Per natura sono una persona che non si uniforma e se ritiene di dissentire dal pensiero di altri lo fa senza esitazione.  
 
Gli imbecilli, gli intelligenti, i fannulloni, i lavoratori, i pressapochisti, i puntigliosi, … e potrei andare avanti all’infinito, tali sono per natura o per volontà e non certo per nazionalità.
Vale a dire che essere svizzero per nascita o per ius soli come vorrebbe qualcuno, non è di per se una fortuna in mancanza di altri attributi.
 
Di quanto hanno fatto Liberali e Socialisti di bene e di male, beh credo tu lo sappia io non te lo insegnerò, io sarò sempre un allievo attento e partecipativo, criticando o condividendo le scelte che gli uni o gli altri proporranno, ma sempre pensando con la mia testa.
 
Sono l’italiano con il passaporto svizzero, fiero di entrambi, ma soprattutto con una consapevolezza in merito al passaporto svizzero che molti che lo hanno semplicemente per nascita mai si sono fermati ad analizzarne i reali valori.
 
Il rammarico poi è che ti preoccupi di me e non di quel 47% che la pensa come me e non come te.
Io ho sostenuto il referendum fin dall’inizio senza mai nascondermi.
Tu sei dalla parte di quelli che sanno chi ha firmato per il referendum anche se non dovrebbero saperlo e ti sei schierato con chi ha usato metodi abbietti per ottenere un SI.
Per quanto riguarda poi la fede calcistica da un socialista che tifa l’italiana Inter, squadra della Milano altolocata, non accetto lezioni non di calcio ma di stile e coerenza.
 
La cosa che mi che mi dispiace veramente e che sto dicendo queste cose a te, Municipale, Ex Maestro di scuola elementare, socialista e con molti anni in più di esperienza del sottoscritto.
Un po’ me ne rincresce ma siccome le cose non le mando a dire se vuoi ci possiamo vedere una domenica mattina in quel Bar italiano a Maslianico dove vai a fare colazione e dove ci siamo spesso incontrati.

 
Angelo Colombo
Lettera aperta a Gianni Delorenzi, municipale unione socialista - Vacallo
 
 
Il "vecchio" Attilio
 
 
Caro Delo,
 
non è mia abitudine girare per il web in cerca di tutto e di più. Amici mi hanno segnalato subito il tuo scritto “Per me è quasi bye bye” sul sito www.unionesocialista.ch . E così scopro che parli, anzi pontifichi, su di me e Angelo. È con disprezzo e sdegno che leggo i tuoi ragionamenti (?) e le tue cattiverie. In entrata fai intendere di interpretare i nostri sguardi in CC e volutamente dici solo quello che ti fa comodo. Fai credere che il referendum sia partito da quegli ammiccamenti in CC tra Angelo e me. Ma dove vivi?‘ Il referendum era nell’aria da un po’ e non in campo liberale !.
 
Con spregio mi chiami il vecchio (inteso come vecchio e rimbambito? Ma siamo coetanei) e capogruppo nominale!  Ma guarda un po' non sarai mica tu che mi insegni come agire nel mio gruppo! La mia funzione è quella di capogruppo di un magnifico gruppo di persone che pensa con la propria testa, liberi di esprimere le proprie idee e opinioni con garbo senza attaccare le persone e non quella di un capobranco.
Hai fatto comunella con altri aggruppamenti, reciti bene la tua parte in ogni occasione ma non ti sei accorto di essere usato. Non ti sei nemmeno accorto che noi liberali avevamo chiesto una pausa di riflessione e di lavoro per affrontare i temi rimasti aperti in anni di tira e molla. Era la proposta di instaurare un dialogo costruttivo e forse anche l'occasione di trovare un consenso più ampio. Possibilità non raccolta poiché avete fatto solo i conti dei voti di partito speculando che la raccolta di firme per il referendum non avrebbe avuto successo nel periodo estivo. Ma così non è stato.
 
Non voglio entrare in tutto quanto tu scrivi, è un tuo problema e della sinistra che dovresti rappresentare(?) Ma già, ora sei quasi redattore del domenicale verde.
Ti permetti anche di dare lezione a noi svizzeri su che cosa è un referendum, sui suoi valori e disquisisci sulla qualità dei referendum. Ti ricordo che il referendum in Svizzera è lo strumento principe della democrazia diretta. Secondo te invece i referendisti e quei 645 cittadine e cittadini (47o/o) che hanno votato NO sono dei loschi figuri, rancorosi e ignoranti, insomma degli imbecilli incapaci di pensare e ragionare da cittadini liberi da condizionamenti. Questo è grave anzi gravissimo. Pazzesco per un Municipale, ex maestro e parte in causa che durante la raccolta firme si è anche permesso di scrivere di non firmare quel referendum! Ma dove siamo! Per favore un po’ di rispetto è dovuto ai Vacallesi tutti. Noi nel rispetto della democrazia rispettiamo la decisione popolare.

 
La politica è un’arte difficile e non una pièce teatrale dei Matiröö.
Il Mattirolo sparava fucilate ma poi si è dato alla macchia. Parafrasando Fantozzi, spari delle  ca..te pazzesche e inveisci contro le persone soprattutto se di fede liberale radicale. Mi aspettavo ben altro da te, pensavo di avere un rapporto ancora di amicizia e di stima. Ahimé ho preso una cantonata. Mi spiace dover rispondere con tono alle tue esternazioni. Con queste premesse costruire e collaborare è difficile se non impossibile.
 
Se sei convinto fino in fondo di quello che dici adesso non devi darti alla macchia ma devi restare perché anche per te è ora di fare e concretizzare, comeil falegname l’uomo che fa”, la recita è finita!
Troppo facile amico abbandonare la nave quando la navigazione si fa difficile!
 
Con cordialità
 
Gorla Attilio il Vecchio e non il vecchio Attilio
Votazione comunale del 25 novembre 2018 inerente le modifiche di piano regolatore
L'esito scaturito dalle urne oggi a mezzogiorno ha visto prevalere il SI con una percentuale del 53% contro i contrari che si sono attestati su una percentuale del 47%.
L'esito della votazione permette al Municipio di continuare la pianificazione delle opere previste nel comparto.
La sezione liberale di Vacallo che ha sostenuto il comitato referendista ringrazia tutti gli amici di tutti i partiti che hanno votato per il NO, certi che le argomentazioni portate erano veritiere e intendevano proteggere il nostro territorio e i cittadini.
Viviamo in uno Stato fondato sulla democrazia e il risultato delle urne anche per noi é sacro, la maggioranza, anche se di poco, ha deciso!
Siamo altresì certi che l'alto numero di votanti a favore del NO indurrà il Municipio a proporre soluzioni valide per mitigare al minimo i disagi derivati dal costruire sull'ormai defunto campo sportivo che sicuramente dovranno patire gli abitanti del comparto, inoltre si sforzerà di proporre soluzioni valide per tutti gli atleti che giocoforza saranno orfani delle strutture sportive che verranno eliminate.
Noi liberali saremo sempre in prima linea per garantire che tutto quello che verrà proposto sia fatto a regola d'arte e che niente che non sia necessario e sostenibile finanziariamente venga costruito.

GRAZIE A TUTTI PER IL GRANDE SOSTEGNO, IL VOSTRO VOTO NON ANDRÀ SPRECATO, SARÀ, PER CHI VI RAPPRESENTA, UNO STIMOLO ULTERIORE PER LAVORARE A FAVORE DEI VACALLESI, PER IL MUNICIPIO UN MONITO PER LAVORARE SEMPRE MEGLIO.

La sezione Liberale di Vacallo
Torna ai contenuti